Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Users Salvatore Rizzuti La TRIBUNA di ANTONELLO GAGINI nella Cattedrale di Palermo / I Gagini e dintorni
Salvatore Rizzuti

Salvatore Rizzuti

Sito personale.
info@salvatorerizzuti.com

Visualizza galleria: 20 sculture

Vai alla sezione personale di Salvatore Rizzuti

Biografia:

'Salvatore Rizzuti - Titolare della Cattedra di Scultura dell'Accademia di Belle Arti di Palermo'.

Salvatore Rizzuti nasce nel 1949 a Caltabellotta, un suggestivo paese dell'agrigentino i

Leggi la biografia

Critica:

CRITICA

1977 - Pierre Thomas Presentazione in catalogo della personale alla galleria “La Ginestra”, Sciacca, 1977
1980 - Bruno Caruso Presentazione in catalogo della person

Leggi la critica

La TRIBUNA di ANTONELLO GAGINI nella Cattedrale di Palermo / I Gagini e dintorni

La TRIBUNA di ANTONELLO GAGINI nella Cattedrale di Palermo / I Gagini e dintorni

Cosa
Quando 20/10/2007 02:00 al
24/11/2007 01:00
Dove Cattedrale di Palermo
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Luogo: Palazzo Fernandez - Via Papireto, 22

Periodo: dal 20 Ottobre al 24 Novembre 2007 

Orari: Dal Lunedì al Sabato, 09:00 - 19:00

La imponente e meravigliosa Tribuna che Antonello Gagini e figli realizzarono nella Cattedrale di Palermo fra il 1510 e il 1574, e che fu poi distrutta nel 1797, oggi riprende vita grazie alla accuratissima ricostruzione in scala 1:10 realizzata dal Prof. Salvatore Rizzuti e dai suoi allievi della Cattedra di Scultura dell'Accademia di Belle Arti di Palermo. Il Plastico, fino ad oggi esposto al Museo Diocesano di Palermo, sarà in mostra dal 20 Ottobre al 24 Novembre 2007 a Palazzo Fernandez, sede storica dell'Accademia di Belle Arti di Palermo. In occasione di questo evento sarà possibile ammirare anche ventotto opere scultoree del Rinascimento in Sicilia riprodotte dagli allievi di Scultura della stessa Accademia.

'L'Accademia di Belle Arti di Palermo, massima Istituzione dello Stato nel campo delle arti visive, è nata nel 1886. All'interno di essa hanno operato, in veste di Direttori o Docenti, artisti come Ernesto Basile, Mario Rutelli, Benedetto Civiletti, Ettore Ximenes,Archimede Campini, solo per citarne alcuni. Tutti personaggi che hanno fortemente contribuito alla crescita culturale e artistica della città di Palermo tra la fine dell'800 e gli inizi del '900. A questa nobile tradizione, ancora oggi, si vuole mantenere fede,impartendo agli allievi non solo la lezione didattica inalizzata alla creatività, ma stimolandoli anche alla ricerca e alla riscoperta degli artisti del passato e delle loro opere. Tra questi, Antonello Gagini e figli, artefici della grandiosa Tribuna,eretta nella Cattedrale di Palermo dal 1510 al 1574, e demolita, disastrosamente,durante la ristrutturazione della Cattedrale avvenuta dal 1781 al 1801. Infatti, negli anni accademici '98-'99 e '99-'00, nell'ambito del programma di ricerca della mia Cattedra, ho svolto, assieme agli allievi di scultura, un'approfondita ricerca finalizzata alla ricostruzione in scala della distrutta Tribuna. La finalità di tale ricerca è stata quella di fare acquisire agli allievi la coscienza della storia, riportando alla luce, anche visivamente, l'originaria configurazione della Tribuna. Lo studio non era finalizzato, così, solo a un mero esercizio didattico ed estetico, ma assumeva una valenza scientifica. Pur senza affermare di avere affrontato e risolto tutti i problemi inerenti alla Tribuna, abbiamo cercato di risolvere quei problemi, se pur minimi, che abbiamo incontrato, nella maniera più ragionata possibile, relativamente alle nostre competenze di scultori. In ogni caso, la riproduzione in scala 1:10 da noi realizzata potrebbe fornire un piccolo contributo alla ricerca di altri studiosi. E' ovvio, infatti, che la ricostruzione della Tribuna, soprattutto in mancanza di alcuni dati tecnici precisi, può non risultare del tutto veritiera, ma la puntigliosa descrizione dei cronisti del tempo ci ha aiutato sicuramente nell'approssimazione più attendibile. Ciò che importa è che il fruitore comune possa essere portato a conoscenza di ciò che avevamo, e che non abbiamo più a causa dell'incoscienza di chi ha saputo distruggere in un attimo ciò che era stato costruito in sessantaquattro anni da generazioni di scultori. '

Azioni sul documento